La prima collezione di Kenzo disegnata da Felipe Oliveira Baptista

Quando scompare o si dimette il fondatore di un brand, il rischio è che i suoi successori non siano all’altezza di portare avanti i valori e i cardini che hanno elevato quel marchio al successo.

Nella storia della moda Kenzo Takada viene riconosciuto come un rivoluzionario, in quanto si era dichiarato un precursore nel fondere le sue radici giapponesi con lo street style occidentale. Questa scelta si era rivelata vincente ed aveva portato all’affermazione del suo brand a livello internazionale, a partire dagli anni ’70.

Dopo il suo ritiro avvenuto nel 1999, la direzione creativa di Kenzo era passata a Gilles Rosier, all’italiano Antonio Marras e successivamente a Humberto Leon e Carol Lim.

Dal luglio scorso è invece il portoghese Felipe Oliveira Baptista a guidare l’azienda di moda. È stato lui a firmare la collezione uomo e donna Kenzo presentata il 26 febbraio alla Paris Fashion Week.

Felipe Oliveira Baptista, il nuovo stilista di Kenzo

La presentazione della collezione A/I 2020 ha rappresentato il debutto dello stilista nella maison Kenzo. Fondatore di un suo brand e successivamente direttore creativo del marchio Lacoste per otto anni, Felipe Oliveira Baptista ha proiettato nel presente le grandi costanti stilistiche di Kenzo. È stata questa la sfida più importante che ha dovuto affrontare. Nonostante siano passati 50 anni dalla fondazione del brand, è innegabile la grande fedeltà creativa che lo stilista ha impresso nella nuova collezione, rispettando e esaltando in chiave attuale le norme poste a suo tempo da Kenzo Takada.

Tratti cardine della nuova collezione

Fantasie e colori esplosivi, così come uno stile essenziale e casual, sono i dettami storici del brand Kenzo. Questa ultima collezione ha rimarcato l’estrema attenzione posta alla funzionalità dei capi, alla loro facilità d’uso e portabilità.

Il tema infatti è proprio quello del viaggio da Oriente a Occidente. Da questa idea di partenza sono nati abiti comodi, che permettono di muoversi con estrema facilità e conferiscono massima libertà al corpo. Siamo ben lontani dalle linee affusolate e dai capi aderenti, ma d’altronde queste prerogative non hanno mai fatto parte dell’estetica del brand Kenzo.

Per l’autunno-inverno 2020 Felipe Oliveira Baptista crea abiti all’insegna del comfort, uniti a stile e ricerca tecnica. Un’attenzione sempre maggiormente volta al rispetto del pianeta si evince dall’uso innovativo dei materiali.

I capi sono ampi, voluminosi e stampe a fantasia come quella della tigre, simbolo storico di Kenzo, si alternano a capi monocromatici. La collaborazione con l’artista portoghese Julio Pomar ha dato vita alle meravigliose stampe e ai motivi grafici.

Le teste sono sempre coperte ad esempio da cappucci e cuffie voluminose, così come ampie sono le tuniche e i djellaba.

Piumini, parka e mantelle, uniti ad accessori impermeabili come maxi-cappelli, sono il perfetto esempio di come l’heritage del brand sia stato rispettato, ma in una chiave nuova e innovativa.

Fonte: Repubblica

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here