Shampoo antiforfora e trattamenti specifici: come scegliere per combattere la forfora in modo efficace

shampoo antiforfora

La forfora può essere un problema momentaneo dovuto a particolari condizioni e destinato a risolversi da solo, curando l’alimentazione o gestendo meglio lo stress. Ci sono casi, però, in cui questo potrebbe non bastare ed è necessario ricorrere all’uso di prodotti adatti, in grado di risolvere la questione.

3 consigli da seguire per scegliere i prodotti antiforfora giusti

La forfora è in realtà un problema molto diffuso e frequente. Affidarsi a prodotti antiforfora adeguati alla propria situazione può fare una grande differenza, e questo sì che può sollevare gli animi! Vediamo quindi in che modo scegliere i detergenti e i trattamenti più indicati.

1. Conosci il tuo tipo di forfora

Il primo passo fondamentale nella scelta dei prodotti antiforfora è capire il tipo di forfora che hai. Ci sono infatti due principali tipi di forfora:

  • Forfora secca. Hai notato che scuotendo la tua chioma cadono delle piccole scaglie bianche o spesso le trovi sugli abiti o sul tuo cuscino? Allora molto probabilmente la tua è forfora secca. Questo tipo di forfora può essere aggravato da lavaggi frequenti e dall’uso di prodotti troppo aggressivi;
  • Forfora grassa. Hai invece visto che i tuoi capelli sono spesso ricoperti da scaglie giallastre che tendono a rimanere attaccate e che il tuo cuoio capelluto dà spesso l’impressione di essere oleoso? In questo caso hai un problema con la forfora grassa. Quest’ultima è causata da una produzione eccessiva di sebo o dalla presenza di funghi sul cuoio capelluto.

Aver stabilito il tuo tipo di problema è il primo passo per poter scegliere il prodotto specifico in grado di rispondere meglio alle tue esigenze. Adesso puoi passare allo step successivo.

2. Leggi le etichette dei prodotti

Non tutti gli shampoo antiforfora sono uguali. Leggere attentamente le etichette degli ingredienti è quindi imprescindibile per trovare prodotti efficaci. Ecco un breve elenco di alcune azioni che dovrebbero avere gli ingredienti:

  • antifungina, per aiutare a combattere i funghi che possono causare la forfora;
  • antibatterica, per ridurre la proliferazione dei batteri e mantenere il cuoio capelluto sano;
  • esfoliante, per rimuovere le cellule morte della pelle e ridurre l’accumulo di squame;
  • antinfiammatoria, per calmare le irritazioni e ridurre il prurito del cuoio capelluto;
  • idratante, per mantenere la cute idratata, prevenendo la secchezza.

Per farti un esempio concreto di ingredienti da ricercare, potresti trovare utili prodotti con Solfuro di Selenio, ideale per rallentare la crescita delle cellule cutanee e ridurre il prurito, oppure di Zinco Piritione o simili, ottimo per combattere i funghi e ridurre l’infiammazione del cuoio capelluto.

3. Preferisci prodotti antiforfora non aggressivi

Sebbene sia importante scegliere prodotti efficaci, è altrettanto fondamentale optare per shampoo e trattamenti antiforfora che non siano troppo aggressivi. Pena, l’effetto opposto!

Prediligi quindi shampoo professionali senza solfati, ingredienti che possono seccare e irritare ulteriormente il cuoio capelluto.

Considera l’uso di prodotti con ingredienti naturali, che hanno proprietà antifungine naturali e sono meno aggressivi. Un esempio potrebbe essere lo ziziphus.

Segui infine una routine con costanza e in base alla gravità del tuo problema. Per casi lievi o per prevenire il disturbo potresti optare per trattamenti specifici da usare due volte a settimana, mentre per casi più gravi potresti anche necessitare di trattamenti frequenti, a giorni alterni. Ricorda sempre, però, che se la tua condizione è particolarmente grave o persistente è meglio consultare un dermatologo.