Dolce & Gabbana collezione Autunno Inverno 2015

Dolce & Gabbana collezione Autunno Inverno 2015

E’ tra le più chiacchierate delle sfilate della Milano Fashion Week ed è un vero e proprio tributo lo show messo insieme per la collezione autunno inverno 2015 di Dolce & Gabbana. Se a gennaio la collezione “Menswear” aveva esaltato l’idea della famiglia e del suo capostipite, adesso, celebrata da organza, pizzo, tulle e broccato, la protagonista di questa collezione è la mamma.

Dolce & Gabbana collezione Autunno Inverno 2015

Facendo sfilare modelle in dolce attesa —tra cui la superba Bianca Balti, e bambini e bambine per mano o in braccio alle proprie mamme, Domenico Dolce e Stefano Gabbana ci portano in un mondo puerile dove a trionfare sono il rosa confetto e il celeste baby, le stampe floreali (diventate marchio del brand da qualche stagione ormai) si accompagnano a dediche scritte con pailette o ricami da parte dei bambini per le loro mamme, e già c’è chi urla al “remake” indicando un particolare capo che sembrerebbe essere la rivisitazione dell’abito di nozze di Angelina Jolie la cui gonna costellata da scarabocchi dei suoi figli (biologici e non) aveva spopolato sul magazine People.

Nel trend generale del “Viva la mamma” lanciato da Dolce & Gabbana, sembra però di rintracciare un’affezione particolare per la mamma italiana.

Dolce & Gabbana collezione Autunno Inverno 2015

Tra tubini affusolati, l’accostamento pizzo nero e rossetto rosso, la rielaborazione delle immagini sacre e i colletti in casto merletto bianco, il richiamo alla Sicilia Spagnola è inevitabile e ancora una volta i due stilisti diventano promoter nel mondo di un’Italia con ancora tanto da dare nel campo dell’arte e della moda, un’Italia ancora un po’ anni cinquanta, con le sue tradizioni genuine e il nostalgico senno di poi verso il passato, un’Italia che tramite Dolce e Gabbana vuole lanciare un messaggio positivo: tenere per mano le proprie radici per incamminarsi verso una nuova prosperità dove il Made in Italy fa da protagonista.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here