Consiglio di carta: letture sotto il sole

2_LETTURE SOTTO IL SOLE1_LETTURE SOTTO IL SOLEPenso ai week end al mare, o per chi la preferisce, in montagna. Per i giorni di relax estivo, sotto il sole cocente, propongo delle letture sotto il sole brevi ma molto intense e davvero piacevoli.

Ben tornato Salvo

Se ancora non  conoscete Salvo è il momento di incontrarlo. E’ uscito da poco il nuovo romanzo di Andrea Camilleri che ci propone una nuova indagine del commissario siciliano. Questa volta la storia ci presenta il mondo infangato dei cantieri, sporchi non solo di terra. Intorno alla vicenda che ci mostra situazioni fin troppo realistiche continua la vita di Salvo, con il tempo che passa senza rallentare, portando dubbi e pensieri. Un romanzo importante per chi già è affezionato al commissario Montalbano, una lettura interessante per chi ha voglia di conoscerlo ora.

 

L’intensità breve

Vorrei consigliare a chiunque abbia voglia di leggere un libro breve ma intenso, anzi molto intenso, IL NERO E L’ARGENTO di Paolo Giordano. Si legge in pochissimo tempo, ma riesce a portarci lontano, in una storia coinvolgente, un po’ triste e tanto malinconica. Un libro breve che narra il rapporto tra due giovani sposi, raccontando della loro “donna di servizio” e della sua vita che è stata felice solo per un breve periodo.
La scrittura è molto piacevole, ogni parola sembra ricercata e questo secondo me è un pregio grande.
E speciale, se non essenziale, è l’invito a riflettere sui rapporti e sulle persone. Si arriva all’ultima pagina, per fortuna o purtroppo, con rapidità, ma il libro resta addosso, almeno per un po’.

 

Pagine di gusto

Un’altra lettura breve, che lascia l’acquolina in bocca. Lo stesso palazzo speciale di L’eleganza del riccio, ma questa volta l’attenzione è focalizzata su monsieur Arthens, il più grande critico gastronomico del mondo, alle prese con la ricerca del sapore più importante di tutta la sua vita. Un libro molto particolare, una storia raccontata con la voce degli altri che si affiancano a quella del protagonista, creando un coro polifonico davvero divertente. Un binomio perfettamente riuscito tra arte culinaria e letteratura, in una composizione breve ma molto gustosa.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here