Come riconquistare il partner: i consigli del coach Iapello

Questo 2020 ha messo alla prova tutti e, in particolare, le tantissime coppie che hanno dovuto fare i conti con i loro problemi, con la routine o con la lontananza.

Mi occupo di relazioni da oltre 10 anni e posso dire con certezza che sono sempre di più le coppie che si trovano ad affrontare delle crisi che portano ad un graduale allontanamento fino ad arrivare alla rottura definitiva. Dopo una delusione d’amore ho deciso di intraprendere la strada del Coach Relazionale per aiutare uomini e donne a recuperare il loro rapporto di coppia ed ho fondato la mia attuale società.

Il mio progetto è basato sulla gentilezza, qualità che non deve mai venire meno in un rapporto, a prescindere dalla sua natura. Sia il percorso che aiuta le donne a riconquistare il proprio uomo, che quello per gli uomini che vogliono riconquistare la propria ex, sono in continua evoluzione: le relazioni non sono le stesse di qualche anno fa così come le esigenze del singolo che cambiano continuamente.

Ora andiamo al dunque e vediamo qualche consiglio che può essere messo in pratica sia dagli uomini che dalle donne che vogliono riconquistare il partner.

Come riconquistare il partner

Sicuramente avrai sentito parlare di no contact che, fatto così tanto per fare, non serve a nulla. Io voglio parlarti di distacco: prendere le distanze dalla situazione che stai vivendo ti aiuterà a fare chiarezza su diversi punti della tua relazione.

Quando si è arrabbiati con qualcuno, si tende a leggere ogni evento come un affronto personale. La stessa cosa succede nel post rottura: chi è stato lasciato vive ogni momento come un abbandono, ogni non risposta come disinteresse. Chi, invece, ha lasciato si sente continuamente pressato dai contatti o dai tentativi di dialogo dell’ex. Ecco a cosa serve prendere le distanze: avere del tempo per riflettere sui comportamenti ti farà avere una chiave di lettura diversa di alcune situazioni. Solo così riuscirai a lavorare su di te per migliorarti.

Un’altra cosa fondamentale è riconoscere i propri sbagli. Puoi utilizzare la fase di distacco per pensare a quali sono stati. Una volta riconosciuti, non è necessario darsi delle colpe all’infinito: chiedi scusa per i tuoi comportamenti errati se necessario, e vai avanti cercando di non ricadere negli stessi. Vivere nel passato, ripercorrendo i momenti belli e brutti del tuo rapporto di coppia, non ti aiuterà ad uscirne a testa alta.

Ed è proprio questo il terzo consiglio che voglio darti: lascia andare il passato. Sei una persona nuova che ha bisogno di cambiare alcune cose per vivere meglio. Rispolvera le tue passioni o creane delle nuove, dedicati del tempo, ritrova la serenità. In questo modo potrai riconquistare il partner.

Farsi vedere bisognoso o credere che non si può vivere senza il partner è sbagliato. Ognuno di noi deve essere sicuro di sé stesso, di quanto vale e capire che la persona che ha accanto deve essere un qualcosa in più. Non si può vivere in una relazione solo per paura di rimanere soli.

Metti da parte la paura di non farcela e inizia a rimboccarti le maniche. Ti lascio con un ultimo consiglio: comincia il tuo percorso di riconquista ponendoti degli obiettivi prima piccoli e poi sempre più grandi. Partire con un obiettivo troppo grande e difficile da raggiungere ti farà sbagliare spesso. Se, al contrario, te ne poni di piccoli, riuscirai a raggiungerli e ad aumentare la tua sicurezza. Vedrai che tutto risulterà più semplice e naturale.

In bocca al lupo,
Domenico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.